Immagine
 tChadar 1993 © Marco Vasta 1993... di Admin
 
"
il problema è chi comanda, tutto qui
Humpty Dumpty

Lewis Carroll, Alice nel Paese delle Meraviglie
"
 
\\ In diretta dall'Himalaya
Questo blog ha raccontato in tempo reale la nostra avventura sul fiume Zanskar. Ringraziamo la webmistress Monica Petrella per la continua disponibilità nell'ottimizzazione, realizzazione ed aggiornamento delle cartine e la ditta Intermatica, distributrice per l'Italia dei prodotti Thuraya. Per leggere tutti gli articoli cliccare qui a fianco sui mesi da Dicembre 2006 a Febbraio 2007. Buona lettura.

WebLog
 
Di Admin (del 06/09/2008 @ 14:26:47, in Djumlam, linkato 1619 volte)
 
Di Admin (del 10/11/2007 @ 01:09:01, in Tchadar, linkato 2249 volte)
 
Di Admin (del 18/05/2007 @ 14:42:04, in Tchadar, linkato 2199 volte)
Principato di Montebello

Eccoli di nuovo insieme per una nuova avventura: il montaggio del filmato della spedizione.
La webmistress come sempre alla console.

 
Di Admin (del 26/02/2007 @ 09:21:40, in Tchadar, linkato 2239 volte)

Una delle più belle avventure in Himalaya non è una passeggiata.

Chiudo gli occhi e torno fra i religiosi silenzi del canyon, risalgo con lo sguardo le pareti che lo racchiudono; sento vicino a me i compagni che avanzano sul ghiaccio, rivivo la tensione dei sentieri e dei passaggi esposti su roccia. Riecheggiano i canti dei portatori, guizza il fuoco da campo e le ombre si stagliano sulle pareti di grotte e anfratti.

Ma non è stata una passeggiata. Due tragici avvenimenti segnano inizio e fine della nostra avventura fra ghiaccio cristallino, acqua cobalto, rocce rosse e cieli azzurri.

Il 18 gennaio, vigilia della partenza, abbiamo assistito impotenti al tragico incidente che si è portato via Ludovico Valenziano, della spedizione piemontese a noi parallela.

 L'ultima sera, alla vigilia del ritorno in Italia, Sonam ha rivelato perché ci aveva tenuti sempre in gruppo sulla via del ritorno: un portatore era scomparso, inghiottito dal fiume. La nipote di Ludovico ha lasciato un ricordo in queste pagine (vedi commento 4 alla fotografia 30). Ringrazio lei ed i familiari per la donazione alla memoria fatta alla Lamdon Model High School.

Il giovane portatore era di sTongde, viveva a Shade con la moglie e due bimbi. Il suo gruppo si è impegnato a farli studiare. Ringrazio Isabella G. di AaZ che, appresa la notizia, ha inviato un contributo alla famiglia.

Alla prossima...

 
Di Admin (del 18/02/2007 @ 09:59:36, in Tchadar, linkato 2460 volte)

Era un tunnel oppure stavo guardando attraverso un cannocchiale rovesciato. Una eco lontana, non distinguevo le parole. Tutto era confuso. Pian piano sono tornato a galla. Ma perché quel vento caldo fra i denti e in gola? Qualcuno mi strofinava le mani, ma erano le mie?

Agostino strofinava una mano, si, era la mia sinistra! Fuori campo, Sonam sollecitava: "My friend, wake up. Don't loose your heat!" ed eccolo chinarsi nuovamente, coprirmi la bocca con la sciarpa e soffiare. Respirazione bocca a bocca! Ho mosso una mano per tranquillizzarli e pian piano mi sono reso conto di essere svenuto. Per quanto? Abbastanza per spaventarli. Ne ero fuori, ho chiesto una foto ricordo. Sonam ha perentoriamente detto "Non sono situazioni da fotografare". Ho pensato "non me la sarò fatta addosso?" ma era solo teso e preoccupato, "Sicuro che non vuoi vomitare?" "Buona domanda, anche lui pensa che una frattura porti nausea".

Mi hanno aiutato a sdraiarmi sul mio materassino. Sonam ha iniziato a chiamare Targai e i ragazzi ma ormai dovevano essere aldilà delle roccette. È partito arrampicandosi e dall'alto è riuscito a farsi sentire. semisdraiato ho ripensato all'accaduto. Avevamo appena passato Humlung ed ero riuscito ad agganciare i satelliti e prendere la posizione. Girato un angolo c'era acqua sul ghiaccio, Targai era rimasto ad aspettarci ed indicare i punti dove l'acqua era più bassa. Qualcuno aveva appoggiato delle pietre e creato un passaggio: "Attento, sono ghiacciate". Giusto il tempo di pensare "a me non capita..." e mi sono sentito cadere all'indietro, un dolore lancinante alla caviglia. Giacevo sullo zaino in pochi centimetri d'acqua. Come se fossi uno spettatore vedevo il piede destro ad angolo retto. Ho provato a raddrizzarlo ma non lo comandavo. Poi l'ho visto ruotare da solo e riallinearsi. Mi è sembrato di percepire uno schiocco attutito: era nuovamente al suo posto? Ma già Agostino e Sonam, scalpicciando in acqua, mi avevano sollevato e accomodato a sedere sotto una sporgenza nella roccia. Mentre cercavo di sembrare tranquillo sono svenuto, le parole trasformate in un confuso farfuglìo.

Aspettando Sonnam ho fatto scatare una foto ad Agostino ma intanto dentro montava una rabbia unica. Il giocattolo si era rotto: mi veniva da piangere ma sono troppo orgoglioso.

Sono tornati tutti. Una squadra di portatori im salita ha indicato dove l'acqua era bassa ed erano appena passati senza arrampicare. Gyatzo e Lobzang hanno unito due slitte vuoite e siamo partiti di corsa con Norbu e Targay che mi tenevano le braccia per farmi stare seduto, gambe e piedi all'ìndietro. La rabbia è passata. Ho iniziato a scherzare. Una escursionista ci ha fotografati e mi sono levato il colbacco per salutarla. Dopo la sosta pranzo, Gyatzo ha costruito una slitta gestatoria fissando un bidone allla slitta. Per tre giorni è stata una ordalia di ghiaccio, passi di corsa, scivolate, passaggi in acqua. Dove la superficie era ondulata, dovevo tenere sollevato il piede perché le vibrazioni procuravano indolenzimento.

Ma il fastidio peggiore sono state roccette e sentierini od il salire alle grotte. Mezz'ora per fare 50 metri sui ciottoli! Gyatso sfruttava i minimi passaggi di ghiaccio per avanzare senza farmi scendere e portarmi fin sotto i passaggi di roccia. Qui mi afferravano come un cotechino, guidando i piedi sugli appigli. Passo dopo passo. Appiglio dopo appiglio. Se non riuscivo ad appoggiare lo scarpone, puntavano un bastone sulla minima sporgernza e lì posavo il piede. Mi vergognavo a non riuscirci da solo ma era giocoforza doverlo fare. Su un passaggio facile mi ero appigliato ad un comodo maniglione: Lobzang mi ha preso la mano facendomi mancare la presa e tirandomi di peso. Che vergogna! Al secondo giorno ero sorpreso di riuscire a camminare lentissimamente, ma non c'era altra soluzione in alcuni punti dove il ghiaccio era sparito. Alla sera Lobzang, che è un amtchi, controllava l'assetto delle ossa, muovendo il piede, massaggiandolo e fasciandolo. Ovviamente pensavo al titolo "La figlia dell'aggiustaossa" anche se inappropriato alla situazione: qui c'era solo il conciaossa che mi sfregava il piede, gonfio, dolorante e nero, con il "mustard oil". Rassicurandomi che non era rotto. Assentivo, ma il mio timore era una mini frattura al perone. E così era stato.

E come il duca d'Auge non potevo che esclamare "Anche questa l'ho in quel posto!" [da "Les fleurs bleues"  di Raymond Quenau, 1965 trad. Italo Calvino)]

 
Di Admin (del 03/02/2007 @ 16:58:16, in Tchadar, linkato 2124 volte)

Con il gruppo di Eliane

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Incontro con il gruppo dei soci francesi di AaZ

  Foto di gruppo

Foto di gruppo

Domani saremo di nuovo a Delhi.  Agostino, Andrea e Matteo rientreranno in Italia con il primo volo disponibile, io resterò a Delhi qualche giorno. La radiografia ha evidenziato una piccola frattura del malleolo ed è necessario immobilizzare il piede con una ingessatura. 

Grazie per averci seguito in questa avventura e per i messaggi di incoraggiamento.  Appena mi sarà possibile aggiornerò questo blog, con un piede ingessato avrò tempo per scrivere e raccontare.

 
Di Admin (del 02/02/2007 @ 14:15:05, in Tchadar, linkato 2037 volte)

Un'ondata di caldo, la temperatura nelle ore assolate è salita a 5° sopra lo zero, ha reso il sentiero di ghiaccio impraticabile in diversi punti costringendoci, in questi ultimi giorni a passaggi esposti sulle rocce bagnate e scivolose. Variazioni di temperatura come questa non solo sciolgono il ghiaccio in superficie, ma soprattutto sciolgono i pendii nevosi in valli a monte del canyon, l'acqua penetra sotto il ghiaccio lo fa alzare e rompere.

Queste trasformazioni di materia, di ghiaccio in cristalli, poltiglia e poi in acqua e di nuovo in ghiaccio ci hanno regalato uno spettacolo indimenticabile di colori, luci, forme e ahimé una brutta caduta a chi scrive. Un piede ha perso aderenza ed è scivolato portandosi dietro tutto il mio considerevole peso, mentre l'altro è rimasto bloccato dalle rocce torcendosi. Risultato una caviglia gonfia e violacea. Il portatore "conciaossa" dopo attento esame ha diagnosticato che non c'è nulla di rotto, ma domani per sicurezza farò una radiografia. Con grande disappunto ho concluso il Tchadàr  sulla "slitta gestatoria". 

Leh Hotel Panorama qui finisce l'avventura... per oggi. Domani vorrei farvi vedere qualche foto e raccontarvi ancora della nostra spedizione.

 
Di Admin (del 01/02/2007 @ 15:29:10, in Tchadar, linkato 2261 volte)

Il ghiaccio è ghiaccio, l'acqua è acqua. Ma questo coacervo di freddo, gelo, lame di luce, soffitto ora azzurro ora biancastro, come lo chiamiamo? "Il sentiero di ghiaccio" è una bella definizione, a me garba molto.

Il ghiaccio preme sulle pareti della gola e si spacca

Ho chiesto a Sonam se si ricorda della spedizione con James Crowden: affermativo. È Crowden che cerca l'etimologia di questo nome. Il suo informatore sosteneva che deriva da cha (pr. cià) le scarpe da neve con cui gli zanskar pa affrontano il fiume, dette cha rong . Il termine cha viene unito a dar che significa fiume ghiacciato. Secondo Crowden vi sono anche altre possibilità khyags superficie gelata e bda portare. Ma altra possibilità è anche chag camminare o ancora cha andare. Allegria.

Oggi abbiamo incontrato Eliane e Roberto, i nostri amici di AaZ che con un gruppo di otto persone, stanno andando a Padum ed alla Lamdon Model High School a Pipiting.

La nostra avventura sta per concludersi. Siamo di nuovo a Tilat Sumdo e domani un taxi verrà a prenderci a tre chilometri da Chiling, nei pressi di un cantiere, per riportarci a Leh. I portatori hanno acceso un piccolo fuoco all'ingresso della grotta dove dormiranno. La stanchezza ed il freddo, meno intenso dei giorni scorsi, ci spingono nei sacchi a pelo disposti sulla sabbia in riva al fiume ghiacciato.

 
Di Admin (del 31/01/2007 @ 13:48:22, in Tchadar, linkato 2140 volte)

"I am part of all that I have met
Yet all experience is an arch wherethrough
Gleams that untravelled world whose margin
Fades for ever and for ever when I move."

È grazie a Shipton che ho conosciuto questa lirica di Tennyson. "Fades for ever and for ever" che da nome anche al libro Quel mondo inesplorato, tradotto in lingua italiana da Paola Mazzarelli, compagna di viaggio in Zanskar nel 1980, mi risuonava stamane nelle orecchie. Mi sono chiesto perché lo ripetessi come un gingle. Quale associazione di idee e perché? Ho provato con calma, mentre camminavo e la neve scricchiolava sotto il mio peso, a ricostruire il filo. Certo! ho pensato. Questa valle era un mondo inesplorato. I primi due italiani vi giunsero nel 74. Arrivarono a Padum a piedi da oltre il Pensila. Conobbero lo Zanskar prima di Pessiel e di Harrer. Li guidava il fratello maggiore di Sonam che era con loro.

cercando di non finire in acqua

Sonam ha iniziato presto a fare la guida, l'interprete, l'informatore dovrei scrivere se fossi un antropologo. Ma è stato per caso, leggendo Osmaston, che ho appreso come nel 1977 abbia accompagnato James Crowden (Himalayan Buddhist Villages p. 287) primo europeo che affronta il tChadar. Il caso volle che nel 1993 proprio il giorno del mio rientro a casa, gli amici Gentilini avessero organizzato una cena con un indiano che desiderava conoscermi. All'osteria "al frate" mi presentarono un sikh, proprietario di una nota agenzia di Delhi. Ascoltò con stupore il racconto della avventura sul fiume. Ogni tanto si accarezzava la barba, allora ancora nera, mostrando sempre più interesse. Chiese che lo facessi incontrare con Sonam.

Per farla breve: Mr. S. arrivò in elicottero a Padum nel febbraio dell'anno successivo. Aveva fatto buon uso della mia esperienza ed aveva scelto il periodo adatto. Con John Barry e Sonam scese lungo il fiume, si spostò a Leh dove tentarono lo Stok Kangri con le pelli di foca. L'American Alpin Journal pubblicò un trafiletto (AAJ 1995 p. 280).

L'agenzia di Mr. S. vinse anche il `Discovery Award’ della PATA per il miglior trekking in India. Il tChadar entrò fra i must dell'escursionismo mondiale. Sonam attende ancora di essere pagato per aver accompagnato l'ultimo gruppo di Mister S. sul Tchadar...

Riavvolgendo il filo dei ricordi ho scaricato quasi completamente la batteria del telefono satellitare.

Abbiamo fatto una sosta ad Hutong - Lat N 033 054'034.246" Lon E 077 003'059.534" alt 3216m - ed ora siamo di nuovo a Tsomo Bao nella stessa grotta che ci ha ospitati all'andata.

 -  Lat N 033 054'016.927" Lon E 077 006.056.498"  -

 

 
Di Admin (del 30/01/2007 @ 15:09:16, in tChadar, linkato 3211 volte)
Ieri sera, in onore di Matteo, il nostro cuoco ha preparato skyu, gnocchetti fatti con acqua e pakpéy (farina bianca di grano) e cotti nel brodo arricchito con pezzi di carne di yak. I portatori hanno mangiato colak, zampa di yak arrostita.

Sosta per il pranzo a Nierak Pulu. Continuiamo a festeggiare il trentunenne con tortellini in brodo, mentre i nostri portatori cucinano una zuppa molto densa facendo cuocere in poca acqua carne di yak, patate verdure e spezie.

Tappa a Tip Yogma Bao

Sonam nella gola
 Ieri abbiamo superato senza problemi quel tratto di gola detto Warma, invalicabile se si scioglie il ghiaccio e che temevo particolarmente per esservi rimasto bloccato nel '93.  I nostri timori sono ora per la parte a valle di Tip Yogma. Da "radio scarpa" sappiamo che solo quattro persone sono passate dopo di noi. Alcuni Zanskar-pa hanno rinunciato ed anche un gruppo di trekker è tornato a Leh forse spaventati dalla caduta in acqua di uno di loro.

Che i "Lhu", le divinità delle acque,  continuino a proteggerci!
Il sole ha già lasciato la gola ed il freddo ci costringe a stare nella grotta, ci prepariamo a passare un'altra lunga notte.




 
Di Admin (del 29/01/2007 @ 14:05:01, in tChadar, linkato 1971 volte)

Partenza alle 8.30 con 2 Tata Sumo stracariche per aver maggior aderenza, le catene sono un optional. Abbiamo impiegato circa due ore e mezza per arrivare al punto in cui si scende sul fiume ma con le Tata abbiamo risparmiato un bel tratto sulla strada.

In una oretta siamo tornati alla confluenza con l'Oma Tokpo (Oma Chu - il fiume di latte) per proseguire verso Nierak Bao, una grotta da non confondere con il villaggio omonimo dove avevamo fatto tappa all'andata.

Valle all'altezza di Zangla

Abbiamo sostato vicino ad una sorgente dove nel '93 avevamo dovuto salire perchè il ghiaccio era pericoloso.

Tappa a Tip Gongma Bao - Lat N 033 050'016.267" Lon E 076 053'009.476" alt 3304m -

Tip(ombra) gongma(superiore) bao(grotta) è una cavità naturale protetta dal vento grazie ad un muretto di sassi e dalla quale possiamo vedere il cielo rischiarato dalla luna.
Dalla mezzanotte chi sarà sveglio darà inizio ai festeggiamenti per il compleanno di Matteo che si protrarranno per tutta la giornata di domani. Non abbiamo due portatori con 40 libbre di brandy come certi inglesi, ma a Padum ci siamo riforniti di generi di conforto.

ciclista sul ghiaccio
Ci siamo guardati l'un l'altro credendo di avere le allucinazioni ed invece no è proprio un ciclista!




 
Di Admin (del 28/01/2007 @ 17:08:11, in Tchadar, linkato 1981 volte)

Giornata dedicata ai convenevoli ed alla tecnologia. Incontro a mezzogiorno con il Managing Committee, o meglio con alcuni membri in casa di Tinle, per definire alcuni possibili progetti. Poi a pranzo dalla sorella di Sonam. Ieri sera eravamo a cena da lui. La notte e la mattinata erano passate aspettando il ripristino del sistema di Thuraya rimasto bloccato dalla mia scarsa conoscenza del manuale tecnico. Alle 15.30 abbiamo riattivato la postazione internet via satellite, gia impacchettata, e tutto sembra funzionare. 

La piana di Padum

 

 
Di Admin (del 27/01/2007 @ 13:55:13, in Tchadar, linkato 2059 volte)

Stamane abbiamo visitato Karsha Chamba Ling (luogo dedicato a Maitreya) il più grande monastero dello Zanskar con una comunità di 80 berretti gialli. dKarsha “la bianca coppia” formata dal gompa e dalle bianche case sottostanti, visibili da lontano, è collegato sia a Tungri che a Padum dalla strada camionabile. Nel periodo estivo il gompa è frequentato da molti turisti che lo raggiungono in fuoristrada. I monaci hanno ottenuto il permesso di spostare ai mesi estivi la festa religiosa che si svolgeva in inverno, quando solo chi come noi si avventura sul tChàdar può raggiungere questi luoghi.

AvalokiteshvaraSopra il villaggio, ma sull’altro versante della valletta, si trova la comunità femminile del piccolo tempio di Chub Chi Zhal (Chuchikjyal). In alto vi sono le rovine di un antico forte, distrutto probabilmente nel 1700. Alla sua base si trovano chorten oramai completamente abbandonati e vi è anche il tempio, dedicato a Chuchikjyal, l’Avalokiteshvara, il bodhisattva della compassione, con otto braccia e undici teste. Qui anticamente sorgeva Karsha. Di fronte al tempio principale vi è il "Chorten della regina". La parte muraria ed i preziosi affreschi del 16° secolo sono stati restaurati grazie all'intervento del prof. Rob Linrothe e di Kim Gustchow.

Terminate le preghiere le monache ci hanno ospitato a pranzo. Sono persone allegre e gioiose. Purtroppo alcune ragazze sono forzate dalla famiglia ad entrare in comunità, ma vi sono anche vocazioni profonde come quelle testimoniate dalla ricerca di Kim Gutschow sulla lamaseria femminile di Chuchikjyal. "Yeshe's Tibetan Pilgrimage and the Founding of a Himalayan Nunnery" . La ricerca fa parte di "Innovative Buddhist Women", raccolta curata da Tsomo Karma Lekshe che ben delinea la posizione della donna nel complesso mondo della comunità religiosa buddhista (anche qui ci volle un concilio per stabilire se le donne ne potessero far parte). La vita quotidiana nella comunità femminile di Chuchikjyal è descritta da Elisabeth D.Prasetyo in un articolo pubblicato su D-Repubblica nel marzo 1998.

 

 
Di Admin (del 26/01/2007 @ 14:02:23, in Tchadar, linkato 1947 volte)

La cucina del Mont Blanc (c) 2007 Rossi AgostinoA più di un mese dal solstizio d'inverno, l'alba arriva verso le sei e mezzo nella valle ma gran parte della piana riceve i raggi del sole dopo le nove. Pochissime persone escono dalle case prima di quell'ora. Il sole illumina prestissimo le rocce terminali dell'appuntita vetta del Chorala (pr. ciorala) che si trova ad ovest) e le vette innevate della Himalaya che dominano da sud Padum. Poi il caldo avanza scendendo nella piana fino a toccare le varie frazioni ed infine arriva qua a Padum e i vetri, verso le nove, iniziano a sgelarsi perdendo la patina di ghiaccio che si è formata fin dalla sera precedente. Le stufe vengono riaccese. lo sterco di yak è ancora un ottimo combustibile, anche se stufe a petrolio, carbone e gas sono in moltissime case.

Oggi è festa nazionale, il 26 gennaio del 1949 fu proclamata l'indipendenza. Nella tarda mattinata fra le quattro case di Padum si è tenuta la cerimonia ufficiale. Padum significherebbe "bocciolo", un bocciolo che apre i suoi petali. Il palazzo reale (distrutto da Zorowar verso il 1840) era il centro del fiore e le poche case delle famiglie abbienti ne erano i petali. Ora il palazzo è solo un ammasso di rovine e le case non sono poi un granché: molto più caratteristiche le case dei villaggi nella piana. Padum si è allungata ed è cresciuta lungo la strada fino alla frazione di Mani Ridmo. Negli ultimi anni l’Associazione Buddhista di Karsha ha costruito numerosi orrendi negozi in modo da occupare gli spazi commerciali ed affittarli a chi vuole e poter così boicottare i negozi musulmani.

 
Di Admin (del 25/01/2007 @ 14:50:20, in Tchadar, linkato 1940 volte)

Angoli suggestivi si alternano a fantastiche colate di ghiaccio che scendono dalle quinte di roccia, non smetto di stupirmi di fronte a questo spettacolo.

Una grotta alla confluenza dell'Oma Tokpo © Marco Vasta 1993

Poco dopo la fine del canyon giungiamo alla confluenza con l'Oma Tokpo, il fiume di latte, poco oltre nei pressi di Kilima Bao, un'umida grotta al livello del fiume, saliamo sulla strada in costruzione dove ci aspetta un autobus per portarci a Padum. 

  Lat N 033 043'059.790" Lon E 076 051'047.255" alt 3499m

 Sul nostro percorso incontriamo il villaggio di Zangla, un tempo raggiungibile  attraverso un ponte di vimini considerato il più lungo dello Zanskar ed ora sostituito da un ponte in ferro. La fortezza reale (khar) è stata residenza dei sovrani dello Zanskar orientale dal 16° secolo in poi ed i discendenti del Gyalpo vi risiedevano saltuariamente fino a venti anni fa. Oltrepassiamo Tongde con il suo monastero situato in cima ad una collina e sovrastato dai resti di un castelletto ed eccoci a  Padum, all'hotel Mont Blanc.

 Lat  N 033 027'052.354 Lon E 076 052'047.418" alt 3652m 

Sonam è andato a casa a prendere il portatile, riuscirò ad inviare le immagini? 

 
Ci sono  persone collegate

< agosto 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Djumlam (1)
Tchadar (28)

Catalogati per mese:
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
[url=http://drcraze....
15/01/2014 @ 09:21:31
Di gucci outlet
I would like that we...
19/06/2012 @ 03:37:01
Di Coach Outlet Online
Great! Such a creati...
19/06/2012 @ 03:29:02
Di Coach Factory

Titolo
Mappe (2)
tChadar (18)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Bleah!

Titolo





05/08/2021 @ 13:47:48
script eseguito in 99 ms